Andy Murray votato secondo sportivo britannico più grande di sempre

Nonostante da ormai due anni stia lottando fisicamente e psicologicamente con alcuni rognosissimi infortuni, Andy Murray resta uno degli atleti britannici più amati e apprezzati.

Continua a leggere

McEnroe sferza ancora Serena: “Se mi allenassi la batterei”

Ha compiuto 60 anni a febbraio ma John McEnroe è convinto di poter sfidare (e battere) sul campo la più grande tennista femminile in attività (e probabilmente di sempre) come Serena Williams.

Continua a leggere

4 cose che forse non sapete su Alexander Zverev

Rafael Nadal, David Nalbandian e Andy Murray: cosa hanno in comune questi tennisti? Sono gli unici che hanno battuto, in passato, in due match consecutivi nello stesso torneo, Roger Federer e Novak Djokovic. A questo ristrettissimo gruppo, da domenica scorsa, si è unito anche il 21enne tedesco Alexander Zverev, quello che, purtroppo, anche molti lettori di questa pagina, definiscono “un giocatore senza talento”. Ditemi voi se uno che, a 21 anni, batte Roger e Nole uno in fila all’altro per trionfare alle Atp Finals, dopo aver già vinto 3 Master 100, può essere mai definito “senza talento”. Vabbè, andiamo oltre.

Continua a leggere

Goran Ivanisevic: “Nick Kyrgios è un bene per il tennis”

Il conformismo non è mai stata la sua caratteristica principale. E così, anche “da grande”, appesa la racchetta al chiodo, Goran Ivanisevic si conferma tutt’altro che una persona scontata, nelle sue dichiarazioni.

Recentemente l’ex campione croato ha dichiarato che “ci sono un po’ di giocatori buoni in giro, ma a me piace Nick Kyrgios, è un bene per il tennis“. Non propriamente una dichiarazione in linea con il mainstream, decisamente poco generoso con il talento australiano.

Goran ha anche rivelato alcuni momenti divertenti della sua carriera, come quando “un paio di fans volevano sposarmi, ma io non avevo tempo per sposarmi. Ero troppo occupato, e dovevo farmi una doccia. Non volevo passare dal campo al matrimonio”. Ivanisevic ha parlato anche di John McEnroe, un punto di riferimento per la sua carriera: “E’ il maestro della pazzia, è stato un grandissimo tennista ed è un grandissimo uomo”.

La prima cosa guadagnata con le sue vittorie nel tennis: “Un orologio”.

Le sue stelle sportive preferite: “Kobe e Messi“.

Ivanisevic ha anche parlato dei suoi sentimenti quando è in contatto con il mondo del tennis: “Amo il tennis, anche se ho un ruolo differente rispetto a quando giocavo. E’ bello vedere ragazzi giovani che fanno di tutto per entrare e rimanere nel circuito”.

Il suo cibo preferito quando giocava: “Cioccolato, ma ora ho smesso. Volevo vedere se riuscivo a vivere senza cioccolato e l’ho fatto. Sono come un santo, un nuovo papa“.

Coaching, l’eterno dilemma tra tradizione e innovazione

Oltre alla presunta disparità di giudizio tra maschi e femmine nel tennis da parte degli arbitri, Serena Williams sembra aver aperto la discussione sul tema del coaching durante i match degli slam. I suggerimenti del suo allenatore Mouratoglou durante la finale allo US Open con la nipponica Osaka, hanno scatenato una delle peggiori reazioni in carriera della statunitense.

Continua a leggere

John McEnroe non ha dubbi: GOAT? Roger Federer, naturalmente

“Rod Laver è il Babe Ruth del tennis Roger Federer il più grande tennista di tutti i tempi. Ci sono loro due dietro la Rod Laver Cup e questo basta per dire quanto è bella”. Parola di John McEnroe, che ha guidato il Team World in una (onorevole, tutto sommato) sconfitta contro l’Europa di Bjorn Borg sul tappeto nero dello United Center di Chicago.

Continua a leggere

El Toro vs Mr Fantastic: pronti per lo scontro finale

La corsa verso il top ranking ATP, mai come quest’anno, sarà avvincente per i nostri due supereroi. Rafa Nadal lascerà con ragionevole certezza punti ATP a Pechino e al master 1000 di Shanghai. Il suo infortunio al ginocchio durante il match con Del Potro allo US Open lo terrà infatti lontano dai confini cinesi.

Continua a leggere

Il segreto del successo di Roger Federer? Non ho un crampo dal 1999

Per chi si stesse chiedendo come abbia fatto Roger Federer ad arrivare alla tenera età di 37 anni e riuscire a vincere ancora dei tornei Major in un mondo iper-competitivo, beh, il segreto è solo uno, parola del diretto interessato: “Ho sempre curato il mio corpo, mi sono sempre tenuto fisicamente in forma”.

Continua a leggere

E’ ora di considerare Novak Djokovic per il dibattito sul GOAT?

Articolo pubblicato su TennisCircus.com

Perché secondo voi, nell’interminabile dibattito sul GOAT (Greatest Of All Time, che in inglese significa anche ‘capra’, ecco il perché della foto di copertina!) del tennis, non viene mai inserito Novak Djokovic? Il discorso, da anni, è riservato a Roger Federer, Rafael Nadal, Pete Sampras e il capostipite dei numeri uno, Rod Laver. In questo discorso, Nole non è mai rientrato. Neppure quando, a cavallo del 2015 e il 2016, ha letteralmente dominato il circuito, come nessuno dei suoi predecessori aveva fatto finora.

Continua a leggere

Cosa ha detto (davvero) Serena Williams a Naomi Osaka sul podio degli US Open

Cinque giorni dopo il suo storico successo a New York, Naomi Osaka ha parlato di cosa si sono dette lei e Serena Williams al momento della premiazione.

Continua a leggere