Un’ecatombe di teste di serie: tutte le sorprese del terzo giorno di Us Open

E’ stato un vero e proprio ribaltone quello avvenuto mercoledì 30 agosto sui campi di Flushing Meadows. Sei grandi nomi in campo maschile e sei in campo femminile lasciano New York nella maniera più triste possibile, perdendo contro avversari molto meno quotati di loro. Di Fabio Fognini (testa di serie numero 22) asfaltato da Stefano Travaglia abbiamo già parlato qui (vergognoso sia in campo che con le parole).

Ma la caduta del ligure, benché inaspettata, non è stata neppure la più rumorosa.

Continua a leggere

Fogna dà il peggio di sé: sul campo e con le parole (VIDEO)

Fabio Fognini ci ha ormai abituato ai suoi proverbiali “scleri” sui campi da tennis. Questa volta il fattaccio è avvenuto a Flushing Meadows, dove il ligure è stato sorprendentemente asfaltato da Stefano Travaglia al primo turno degli Us Open. Nel corso del terzo set – l’unico vinto da Fognini – si è lasciato andare a insulti pesanti e gratuiti nei confronti sicuramente di una donna (probabilmente il giudice di linea).

Una figuraccia in mondovisione per il Fogna che, oltre alla deludente prova sul campo, ha fornito ancora una volta argomenti validi a chi lo ritiene, oltre che un giocatore dal rendimento troppo altalenante, anche un uomo senza la testa giusta per eccellere nel tennis. E chi pensava che il matrimonio con Flavia Pennetta e l’avvento del primogenito lo avrebbero aiutato a mettere la testa a posta è stato, ancora una volta, clamorosamente smentito.

Us Open. Da Richard Sears a Stan the Man, una storia lunga più di cent’anni

In principio furono gli inglesi, poi arrivarono gli americani. Mentre al di qua dell’oceano imperversavano già le sgambate dei campioni sui prati verdi di Wimbledon, dall’altra parte dell’Atlantico un popolo si metteva in cammino per prendere in mano le redini del tennis.

Era l’agosto del 1881 quando nacquero i Campionati Nazionali degli Stati Uniti d’America, grazie alla meritoria iniziativa di un giovane studente di Harvard, Richard Sears, che divenne in seguito il primo campione del torneo. La prima edizione si svolse sull’erba di Newport, nel Rhode Island, dove ancora oggi viene ospitato un torneo Atp e dove sorge il prestigioso museo del tennis della Hall of Fame.

Continua a leggere

Us Open 2009, la travolgente cavalcata di Juan Martin

Fu una cavalcata travolgente e fu l’unica vittoria in uno slam di uno dei più letali diritti della storia del tennis. Rivivi le emozioni della finale tra Juan Martin Del Potro e Roger Federer nella finale degli Us Open 2009, vinta dall’argentino in 5 set (3-6, 7-6, 4-6, 7-6, 6-2)

Nadal torna numero 1, Fognini primo degli italiani. Pliskova davanti a tutte tra le donne

Rafa Nadal, dopo tre anni, è tornato re del tennis. A 31 anni, 2 mesi e 18 giorni lo spagnolo è il terzo più anziano numero 1 della classifica Atp, dopo Andre Agassi e Roger Federer. Dietro di lui, nell’ordine, Andy Murray, lo stesso Federer, Stan Wawrinka e Nole Djokovic. Al numero 6, best ranking in carriera, il più promettente tennista della cosiddetta Next Gen, il ventenne Alexander Zverev. Chiudono la top ten Marin Cilic, Dominic Thiem, Grigor Dimitrov e Kei Nishikori.

Continua a leggere

Us Open. Rafa ancora in rodaggio, Roger avanti coi brividi

Le stelle di Nadal e Federer rimangono accese ma non brillano. L’esordio del numero 1 e numero 3 del mondo agli Us Open 2017 è stato più problematico del previsto. Rafa ha tremato nel primo set contro il serbo Dusan Lajovic, numero 85 Atp, per poi vincere agevolmente il secondo e il terzo; Roger se l’è vista ancora più brutta, arrivando al quinto set contro il 19enne statunitense Frances Tiafoe.

Continua a leggere

Ecco cosa c’è dietro gli Swarovski. La rinascita di Maria Sharapova

“E’ una grande vittoria per me e voglio godermela; ma devo subito pensare alla prossima gara”. Maria è tornata e non nasconde la sua soddisfazione. Anzi, guardando avanti (e dando un occhio al tabellone), la vittoria per 2 set a 1 su Simona Halep (6-4, 4-6, 6-3) proietta la Sharapova tra le favorite degli Us Open 2017.

Continua a leggere

Us Open 2011, per qualcuno il miglior punto di sempre

Per alcuni amanti del nostro splendido sport questo punto di Nole Djokovic contro Rafa Nadal nella finale degli Us Open del 2011 entra di diritto tra i primi 10 punti della storia del Tennis. Voi cosa ne pensate?

Per la cronaca il match e il torneo lo vinse Nole, dopo una battaglia di oltre 4 ore (6-2, 6-4, 6-7, 6-1)